Produzione cinese: il coronavirus blocca il settore tech?

Il legame tra la tecnologia e la produzione cinese è oramai indissolubile e il coronavirus sta complicando le cose per molte aziende. Quali saranno le ripercussioni che affliggeranno il settore?

Vi abbiamo già parlato dei problemi che il coronavirus sta creando a non poche realtà sia per quanto riguarda la produzione e la partecipazione ad MWC in costante evoluzione.

Su iPhoneItalia abbiamo avanzato alcune ipotesi su quello che potrebbe succedere per il lancio dei nuovi iPad Pro oltre ad avervi riportato le ultime dalle fabbriche nelle quali vengono assemblati gli iPhone.

Problemi per il settore tech

La situazione in continua evoluzione ha bloccato non pochi produttori e ha costretto anche Samsung a ritardare la consegna degli accessori per i nuovi Galaxy S20, ma non dovrebbe aver impattato sulla produzione delle Galaxy Buds+.

produzione cinese

Il vero problema della produzione cinese non è tanto l’assemblaggio dei dispositivi, ma l’approvvigionamento dei produttori per quanto riguarda i componenti che vanno poi a costituire smartphone e altri device. Allo stato attuale sicuramente la produzione in generale sembra essere a rischio, almeno in parte.

Ancora, in questi giorni le consuete fughe di notizie dalla Cina sembrano essersi pian piano mitigate. Il motivo? Certamente il fermo della produzione cinese che, ora dopo ora, peserà sempre di più. Molte delle aziende che hanno cancellato partecipazione ed eventi di MWC non hanno stabilito una nuova data per le presentazioni influenzate probabilmente anche dall’incognita produzione.

Le aziende producono solo in Cina?

Per quanto tutte le aziende di tecnologia facciano affidamento sull’assemblaggio dei propri prodotti in Cina, in realtà molte di queste assemblano i propri device anche altrove. Come detto però, le fabbriche presenti fuori dal territorio cinese fanno grande affidamento sui componenti provenienti dalla nazione. I centri di assemblaggio fuori dalla Cina, di solito, hanno buone scorte di componenti per continuare l’assemblaggio anche in casi come questi, ma un blocco della produzione come quello attuale, alla lunga potrebbe mettere a serio rischio anche questi centri aperti.

produzione cinese

Quando riprenderà la produzione cinese?

Se, come sembra, la situazione dovesse pian piano riprendere alla normalità, i problemi che hanno coinvolto in questi giorni la produzione cinese dovrebbero rientrare presto, ma non è detto che la produzione possa essere messa a rischio a causa del coronavirus. Al momento il governo centrale cinese ha incentivato la ripresa della produzione di energia e beni di prima necessità e, alcune aziende, hanno parzialmente ripreso le proprie attività.

Nella speranza che l’emergenza rientri presto, non ci resta che attendere ulteriori aggiornamenti sulla vicenda.

Editoriali