Immuni attiva in tutta Italia a partire da OGGI!

Immuni è finalmente abilitata in tutte le regioni italiane!

Dopo la prima sperimentazione durata una settimana in alcune regioni italiane, Immuni diventa utilizzabile in tutta la Penisola.

installare Immuni

Vi abbiamo segnalato la disponibilità di Immuni su PlayStore ed AppStore e, a distanza di poche settimane, l’app è finalmente funzionante in tutte le regioni italiane.

Attualmente, l’app è stata scaricata da oltre due milioni e duecentomila cittadini. Il Governo ha lanciato inoltre qualche giorno fa una pubblicità progresso in TV che invita tutti quanti a fare l’uso dell’app.

Il dato, sicuramente incoraggiante, è ancora molto lontano da essere sufficiente: come abbiamo già analizzato, per far sì che l’applicazione sia effettivamente utile, è necessario che almeno il 60% della popolazione scarichi e abiliti Immuni. In realtà, secondo un sondaggio Demos, solo il 38% della popolazione è disposto a scaricare l’app. Il dato probabilmente è influenzato da alcune notizie diffuse nel corso del mese di maggio, molte delle quali prive di qualsiasi fondamento.

Come già spiegato, l’app si basa sulle nuove API che Apple e Google hanno sviluppato insieme e reso disponibile in brevissimo tempo. L’app dovrebbe essere inoltre disponibile presto su AppGallery di Huawei vista la recente integrazione delle stesse API negli HMS dell’azienda.

Come funziona Immuni?

I dispositivi scambiano alcuni pacchetti in bluetooth che tracciano l’incontro tra le persone. I dati vengono scambiati attraverso il Bluetooth LE che permette di limitare i consumi energetici dell’app.

Nel momento in cui una delle persone incontrate dovesse poi risultare positiva al COVID-19, il personale sanitario chiederà al paziente se utilizza o meno Immuni. In caso di risposta affermativa, il paziente dovrà entrare nell’app e indicare un codice randomico associato al proprio smartphone da comunicare al personale sanitario. Il personale sanitario inserirà il codice in un software per segnalare l’ID dell’infetto al sistema che a sua volta avviserà gli utenti incontrati dalla persona dell’accaduto. Il tutto senza l’utilizzo dei propri dati anagrafici o della posizione degli incontri.

Immuni è uno strumento che ha già tracciato alcuni contagi in Liguria, una delle regioni italiane nelle quale ha avuto luogo la sperimentazione.

L’invito è quello di scaricare e abilitare l’app qualora abbiate uno smartphone compatibile. Questo contribuirà sicuramente a tracciare e limitare gli eventuali contagi da COVID-19.

Avete scaricato Immuni? Fateci sapere perché sì o perché no attraverso i commenti.

News