Android 11 Go è ufficiale: ecco l’aggiornamento per la fascia bassa

Non solo fascia alta e media. Ecco Android 11 Go per la fascia bassa del mercato.

Dopo l’arrivo del sistema operativo completo, arriva adesso anche l’aggiornamento ad Android 11 Go. Ecco cos’è cambiato.

Così come l’ultima versione di Wear OS, anche la parola d’ordine di 11 Go è velocità. Il nuovo sistema operativo mobile per smartphone di fascia bassa riesce ad avviare le app il 20% più rapidamente rispetto al precedente aggiornamento. Le notifiche dei messaggi sono raggruppate in una nuova sezione dedicata tra le notifiche stesse.

Anche qui arriva un potenziamento del comparto privacy. Android 11 Go avvisa infatti gli utenti e permette di controllare più rapidamente quali informazioni vengono condivise con le app installate. Si tratta di un vero e proprio controllo dei permessi auto resettati per ciascuna app che l’utente non utilizza per un lungo periodo di tempo. Al primo avvio dell’app dopo molto tempo, l’utente sceglie di volta in volta quali permessi concedere.

Android 11 Go

Android 11 Go porta inoltre l’introduzione delle gesture che già abbiamo imparato a conoscere con le precedenti versioni. Sappiamo che la tendenza del mercato sta portando a preferire smartphone con display molto ampi e, in questo senso, Google ha adeguato anche questa versione all’utilizzo semplificato di questi display.

Android 11 Go richiede 2GB di memoria RAM per essere installato: la precedente versione invece ne richiedeva 1,5GB. Ci sarà quindi più spazio per l’esecuzione di più app simultaneamente. Questo migliorerà non solo le performance dei dispositivi, ma permetterà di eseguire anche qualche task più complesso.

Il nuovo Android 11 Go arriverà a partire dal prossimo mese su tutti i nuovi device con a bordo al massimo 2GB. Non sono ancora noti i primi dispositivi che arriveranno sul mercato con questo nuovo sistema, ma siamo certi che i primi annunci arriveranno presto. Dal lancio ad oggi, sono ben 100 milioni i dispositivi a montare la versione Go a bordo.

Voi possedete uno di questi smartphone? Fatecelo sapere attraverso i commenti.

News