Samsung Galaxy Note 20: sicuri che sia quello adatto a voi? – RECENSIONE | VIDEO

Abbiamo testato Samsung Galaxy Note 20, eppure ci sembra qualcosa di già visto. Un prodotto difficile da inquadrare. Scopritelo con noi in questa recensione completa.

Samsung Galaxy note 20 è quel prodotto difficile da collocare. Buono, ma forse “inutile” per colpa dei vari competitors, proprio in casa Samsung. Scopritelo in questa recensione completa.

Design

Samsung Galaxy Note 20 è molto diverso dal fratellone maggiore. A colpo d’occhio lo si nota subito. Ovviamente per le dimensioni, le quali passano dai 6,9 pollici di Ultra ai 6,7 pollici di questa variante “standard”. Restando sulla parte anteriore dello smartphone balzano all’occhio subito i bordi piatti e una fotocamera anteriore nel display più pronunciata rispetto al Note 20 Ultra. Anche le cornici attorno al display sono un po’ più spesse rispetto al modello top.

Sul retro invece, non troviamo l’enorme modulo fotocamera di Note 20 Ultra. Troviamo però una back cover in policarbonato che su uno smartphone da 1000€ non avremmo sicuramente voluto vedere. Probabilmente se ne fa un discorso di etica, in quanto la plastica garantisce un grip migliore in mano e una resistenza più alta alle cadute. Però al tatto c’è un abisso. È plastica e si sente.

Nonostante ciò è presente la certificazione IP68 e il frame laterale è in alluminio. Frame sul quale i pulsanti sono posizionati in maniera corretta, forse il bilanciere del volume sulla sinistra avrebbe reso più agevole effettuare screenshot con una sola mano. Nella parte inferiore, questa volta a sinistra non può mancare l’iconica S-Pen.

Schermo Samsung Galaxy Note 20

Samsung Galaxy Note 20 monta un pannello da 6,7 pollici, Full HD+ super AMOLED. Form factor di 20:9 e refresh rate che si ferma a soli 60Hz. La qualità è alta, altissima.

La leggibilità ad angolazioni elevate e sotto la luce del sole è perfetta, come sempre poi da tradizione Samsung, buona anche la calibrazione, i bordi piatti poi potrebbero essere quel plus che possono invogliarvi ad acquistare questo Note 20, piuttosto che la variante Ultra. Però ci saremmo aspettati un refresh rate più alto.

Hardware

  • Display: 6,7″ flat FHD+ Super AMOLED Plus Infinity-O, 394ppi, HDR10+
  • SoC: Exynos 990
  • Memorie:
    1. 8GB di RAM LPDDR5
    2. 256GB interna
  • SIM: anche dual
  • Connettività:
    1. 4G LTE, WiFi 6, Bluetooth 5.0, USB-C, NFC, GPS, Galileo, Glonass, BeiDou
    2. 5G SA/NSA Sub6/mmWave, WiFi 6, Bluetooth 5.0, USB-C, NFC, GPS, Galileo, Glonass, BeiDou
  • Sensore delle impronte digitali: a ultrasuoni integrato nel display
  • OS: Android 10
  • Batteria: 4.300mAh con ricarica rapida Fast Wireless Charging 2.0 (25 Watt) e via cavo Fast Charging (15 Watt)
  • S Pen:
    1. Bluetooth, batteria al litio titanato, autonomia fino a 24h, 4096 livelli di pressione, IP68
    2. 5,8×4,35×105,08mm per 3,04 grammi
  • Fotocamera anteriore: 10MP, Dual Pixel AF, pixel da 1,22um, FOV 80°, f/2,2
  • Fotocamere posteriori:
    1. 12MP ultragrandangolare 120°, pixel da 1,4um, f/2,2
    2. 12MP principale, Dual Pixel AF, OIS, pixel da 1,8um, FOV 79°, f/1,8, sensore 1/1,76″
    3. 64MP tele, pixel da 0,8um, FOV 76°, f/2,0
    4. Space Zoom con zoom ibrido ottico 3x e fino a 30x Super Resolution Zoom, Tracking AF
  • Dimensioni e peso:
    1. 161,6×75,2×8,3mm
    2. 192 grammi
  • Audio: speaker stereo AKG, Dolby Atmos
  • Resistenza all’acqua: IP68 (fino a 1,5 metri per max 30 minuti)

Un comparto hardware curato, ma nulla di eccezionale. Tali caratteristiche le abbiamo già viste sulla linea S20 e probabilmente, considerando lo street price è proprio uno di questi ultimi modelli che vi consigliamo di acquistare. Il processore proprietario Exynos 990 si comporta proprio secondo le aspettative: i primi giorni lo smartphone ha mostrato qualche incertezza, ma poi la OneUI 2.5 si è stabilizzata concedendo priorità ai vari processi ottimizzando consumi e prestazioni.
Dopo qualche giorno quindi lo smartphone risulta scattante e sempre pronto all’uso. Ogni tanto scalda, inutile mentire. Specialmente durante le sessioni di gaming. Comparto in cui anche la batteria va in crisi.

Audio

Il doppio speaker di Note 20 è di altissimo livello, indubbiamente. Ottimo per godersi qualche bel film su Netflix o per guardare qualche video su YouTube. Anche in chiamata ci ha davvero sorpresi. Tanto che siamo stati costretti ad abbassare più e più volte il volume durante la chiamata. Anche l’interlocutore ci ha sempre sentiti molto bene.

Connettività

Parliamo di un prodotto 5G. Purtroppo non siamo riusciti a testarne l’efficienza ed il 4G ci è sembrato un po’ sottotono. Lo sappiamo, è il prezzo da dover pagare se si vogliono gli smartphone con i valori SAR più bassi in assoluto. Disattivando dalle impostazioni l’accesso alle reti 5G però la situazione ricezione è migliorata un po’ e anche i consumi ne hanno beneficiato.

Software

La OneUI la conosciamo, bella esteticamente, estremamente funzionale e stracolma di funzioni. Alcune totalmente inutili. Samsung nell’ultimo periodo si sta comportando egregiamente con gli aggiornamenti, e al momento della recensione, il Note 20 ha già ricevuto le patch di sicurezza di settembre. Ovviamente il tutto gira su Android 10. Continua ad essere presente la modalità Dex per sfruttare lo smartphone come un vero e proprio computer. Ma ovviamente serve un monitor. Troviamo tutte lo ottimizzazioni del caso e tanto tanto altro.

Ma chi acquista uno smartphone della serie Note lo fa per la penna. Che in questa nuova generazione è stata migliorata ulteriormente. La latenza nell’utilizzo della penna è sui 24 millisecondi, a differenza dei 48 millisecondi della precedente generazione. Le novità del 2020 sono l’importazione di PDF nell’app Note, l’esportazione degli appunti in formato docx, ppt o pdf e la sincronizzazione con Microsoft Outllook e One Note. Oltre alle nuove air gesture personalizzabili per muoversi all’interno del sistema e una comoda funzione di raddrizzamento automatico del testo. Presente anche la possibilità di registrare note audio abbinate agli appunti testuali.

Fotocamera Samsung Galaxy Note 20

Così come per l’hardware, anche il comparto fotografico è ripreso dalla famiglia S20. Troviamo infatti 3 fotocamere principali. La lente standard, la tele e la lente wide. Le foto vengono proprio come ci si aspetterebbe. Sempre bene in qualunque condizione di luce. Il prezzo di vendita è davvero alto, ma lo smartphone non offre nulla di esclusivo sotto questo punto di vista. Ottimo il sensore grandangolare in quanto garantisce un ottimo dettaglio, e una fedeltà cromatica davvero alta. E soprattutto coerente con le altre lenti. Molto buone anche le foto in notturna così come i selfie, partoriti dalla fotocamera anteriore da 10 megapixel.

Se cercate uno smartphone con il quale fare foto che non necessitino di editing pesante per il caricamento sui social, questa serie Galaxy Note 20 fa sicuramente al caso vostro.

I video arrivano fino alla risoluzione degli 8K, ma il 4K 60 FPS è la scelta migliore per mantenere dettaglio, qualità e stabilizzazione. Ma come per il modello Ultra, solo in FHD+ è possibile seitchsre tra le varie lenti durante la ripresa. Attenzione ad usare l’8K in quanto viene sfruttato il sensore da 64 megapixel con un crop dell’immagine non indifferente.

Batteria

4300 Mah. La batteria di Galaxy Note 20, la quale lavora senza sorprese. A patto che abbiate pazienza per la prima settimana almeno. Dopo qualche giorno di utilizzo infatti, l’autonomia si stabilizza sulle 6 ore di schermo circa. Conosciamo bene il difetto dei processori Exynos: i consumi in standby. Paradossalmente Galaxy Note 20 si scarica di più se non lo utilizzate. Infatti durante la notte, non in carica, in modalità aereo e senza Always on Display attivo è sceso del 10% circa.

Prezzo e conclusioni

Samsung Galaxy Note 20 costa 979 Euro per la versione 4G, 1079 Euro per quella 5G, in entrambi i casi con 8GB di RAM e 256GB di memoria interna. Complessivamente è difficile trovare dei veri difetti a questo prodotto, così come trovare dei veri plus. Eccezion fatta per la S-Pen. I dettagli però fanno la differenza, e uno schermo con refresh rate più alto e la scelta di meteriali più premium lo avrebbero reso sicuramente un prodotto molto più a fuoco.

Insomma, consigliarlo è difficile, anche perché nel listino Samsung troviamo l’ottimo Samsung Galaxy S20 Plus che può essere considerato migliore per rapporto qualità prezzo. Però certo, la S-Pen è assente. Fate le vostre valutazioni, ma prima di procedere con l’acquisto, ricordatevi di visitare la Recensione Completa del Samsung Galaxy Note 20 Ultra.

7,5
  • Design
    7
  • Schermo
    8
  • Hardware
    8
  • Audio
    8
  • Connettività
    7
  • Software
    8
  • Fotocamera
    8
  • Batteria
    6
Recensioni