Galaxy Note 20 Ultra: il re degli smartphone Android (quasi) – RECENSIONE | VIDEO

Samsung Galaxy Note 20 Ultra è quello smartphone top di gamma. Assoluto. A cui manca veramente pochissimo per essere perfetto. Scopritelo in questa recensione completa.

Samsung Galaxy Note 20 Ultra è quel prodotto che non appena preso in mano restituisce una sensazione talmente appagante da non volerlo più lasciare. Lo abbiamo stressato per più di 10 giorni e finalmente siamo pronti a dirvi la nostra su questo ultimo top di gamma di casa Samsung.

Design

galaxy note 20 ultra design

Samsung Galaxy Note 20 Ultra è un gran bel pezzo di design. Impossibile da confondere con un altro smartphone ad oggi sul mercato. Le differenze estetiche sono abissali anche se confrontato con il Note 20 “standard” che abbiamo recensito qualche giorno fa.

La colorazione Mystic Bronze proposta in recensione oggi è davvero spettacolare. C’è poco da dire. Purtroppo il vetro satinato della back cover rende lo smartphone veramente troppo scivoloso. Una cover in silicone trasparente è sicuramente consigliata.

È un Note e di conseguenza scordatevi ti poterlo usare con una mano sola, sia per quanto vi ho appena detto, ma anche le dimensioni ed il peso sono fattori da tenere in considerazione. Nelle specifico Note 20 Ultra misura: 77.2 x 164.8 x 8.1 mm. Per quanto riguarda il peso invece, ammonta a 208 grammi.

galaxy note 20 ultra design

La costruzione è ovviamente maniacale, presente la certificazione IP68, a protezione del vetro anteriore e posteriore troviamo il nuovissimo Gorilla Glass Victus. In grado di resistere a cadute fino a 2 metri di altezza, garantendo una resistenza generale del pannello 2 volte superiore rispetto a quella di un Gorilla Glass 6.

Se non amate i bordi curvi, lasciate perdere questo prodotto e buttatevi sul Note 20 standard, perché qui abbiamo bordi spioventi, cornici ridotte all’osso è un foro per la fotocamera anteriore davvero minuscolo e poco invasivo. Sul retro poi impossibile non fare caso al modulo fotografico davvero importante. Rifinito in ogni minimo dettaglio. Tutta un’altra storia rispetto al Galaxy S20 Ultra.

Lo smartphone come detto è davvero grande, ma i pulsanti sul frame sono posizionati abbastanza bene, la S-Pen è posta in basso a sinistra. Se venite da un altro prodotto della famiglia Note dovrete farci un attimo l’abitudine. Insomma, a livello estetico il Samsung Galaxy Note 20 Ultra è probabilmente lo smartphone più bello del 2020.

Schermo

galaxy note 20 ultra schermo

Uno smartphone top di gamma, richiede un display top di gamma e Samsung per questo gioiellino ha riservato un display AMOLED VRR. Dove la sigla VRR sta per Variable Refresh Rate. Questo pannello è in grado di passare dunque dai 120 Hz ai 10 Hz in base all’azione che si effettua in quel preciso momento. Non è una tecnologia brevettata da Samsung, in quanto l’abbiamo già vista su altri prodotti, come ad esempio Apple Watch Series 4.

Secondo Samsung questa implementazione è utile per risparmiare fino al 22% di energia rispetto ad un display fisso a 120Hz. Ma il comparto batteria lo analizziamo più avanti.

Come per S20 Ultra, non c’è la possibilità di impostare i 120 Hz con la risoluzione massima del display, che per questo Note 20 Ultra è QHD+. Dunque per sfruttare i 120 Hz dovrete “accontentarvi” di un display in FHD+. Una limitazione non da poco questa imposta da Samsung. È giusto che l’utente possa scegliere in autonomia come utilizzare il proprio smartphone, anche nel caso in cui si voglia rinunciare all’autonomia pur di avere il miglior display sul mercato. Filosofia abbracciata invece da OPPO con il Find X2 Pro.

galaxy note 20 ultra schermo

Comunque, nonostante ciò ci troviamo davanti al solito incredibile display Samsung, brillante, luminoso e fedele. Perfettamente leggibile all’aperto grazie ad una luminosità massima di circa 1.500 nits.

Con questo display vi ritroverete a guardare più video del solito, è un dato di fatto. L’esperienza multimediale che offre questo prodotto non ha rivali. Complice anche l’ottimo audio stereo offerto dallo speaker posto in basso e dalla capsula auricolare frontale.

Non dimentichiamo poi che lo schermo nasconde l’ottimo sensore di impronte digitali ad ultrasuoni, veloce e preciso. Non sbaglia mai un colpo.

Hardware e Prestazioni

  • Display: Dual Edge Quad HD+ Dynamic AMOLED 2X Infinity-O, 496ppi, HDR10+, refresh rate automatico fino a 120Hz
  • SoC: Exynos 990
  • Memorie:
    1. 12GB di RAM LPDDR5
    2. 256/512GB interna espandibile
  • SIM: anche dual
  • Connettività:
    1. 5G SA/NSA Sub6/mmWave, WiFi 6, Bluetooth 5.0, USB-C, NFC, GPS, Galileo, Glonass, BeiDou
  • Sensore delle impronte digitali: a ultrasuoni integrato nel display
  • OS: Android 10
  • Batteria: 4.500mAh con ricarica rapida Fast Wireless Charging 2.0 e via cavo Fast Charging
  • Fotocamera anteriore: 10MP, Dual Pixel AF, pixel da 1,22um, FOV 80°, f/2,2
  • Fotocamere posteriori:
    1. 12MP ultragrandangolare 120°, pixel da 1,4um, f/2,2
    2. 108MP principale, PDAF, OIS, pixel da 0,8um, FOV 79°, f/1,8, sensore 1/1,33″
    3. 12MP tele, pixel da 1um, FOV 20°, f/3,0
    4. sensore Laser AF, Space Zoom con zoom ottico 5x e fino a 50x Super Resolution Zoom, Tracking AF
  • Resistenza all’acqua: IP68 (fino a 1,5 metri per max 30 minuti)

galaxy note 20 ultra snapdragon

Galaxy Note 20 Ultra è uno smartphone che non mostra mai incertezze. È veramente sempre super fluido e scattante, complice anche il display a 120 Hz. A muovere il tutto troviamo il processore proprietario Exynos 990, affiancato da 12 GB di RAM LPDDR5. Le più veloci in assoluto sul mercato ad oggi.

Usare questo prodotto è veramente un piacere, in tutti i reparti. Scalda un po’ quando lo si stressa con delle sessioni di gaming. Comparto in cui anche la batteria ha dimostrato delle criticità, purtroppo.
Come tutti i top di gamma, questo Galaxy Note 20 Ultra può essere definito tale. Ma non mi tolgo dalla testa l’idea che con un altro processore, la musica sarebbe stata diversa, sia per l’ottimizzazione della batteria e sicuramente anche per resa fotografica e prestazionale, ma tant’è.

Se vogliamo fare i pignoli e sottolineare due mancanze, è giusto segnalare l’assenza del jack audio da 3,5mm e un sensore ToF che avrebbe completato un comparto foto e video davvero già impeccabile.

Software

oneui 2.5

Come per il fratellino minore, anche questo Galaxy Note 20 Ultra si basa sulla OneUI 2.5 con a bordo Android 10 e le patch di sicurezza sono aggiornate a settembre.

Samsung ha ufficialmente dichiarato che darà 3 anni di supporto per quanto riguarda gli aggiornamenti software su questo prodotto.

Dato da non sottovalutare, in un momento storico in cui gli hardware si somigliano tutti, e forse è veramente difficile trovare qualche vera novità. Pieghevoli a parte. Dunque, software e servizi dovrebbero essere presi più seriamente da tutti i produttori.

Inutile soffermarsi troppo sul software, la OneUI ancora oggi è una delle migliori interfacce Android. Bella, pulita, minimale e funzionale. Personalizzabile quanto basta, ma forse Samsung dovrebbe scremare un po’ di funzioni abbastanza inutili. Comunque, degustibus. Rimane però una certezza: Dex continua ad essere una funzione veramente incredibile e ben studiata.

Sicuramente è un’interfaccia che funziona, altrimenti OnePlus non si sarebbe ispirata così tanto per tirar fuori la nuova OxygenOS 11.

galaxy note 20 ultra s pen

La serie Note è indirizzata a una specifica fetta di utenti però: quelli dipendenti dalla penna. La S-Pen è la migliore mia vista prima qui, la latenza è praticamente inesistente, 9 millisecondi, il che significa che il ritardo tra input ed output è impercettibile. Ci sono delle Air Gesture personalizzabili anche se un po’ inutili, probabilmente. Continua ad essere presente la funzione per poter scattare foto attraverso il pulsantino della penna. Inoltre se siete soliti prendere appunti schematici con lo smartphone, potrete sfruttare la penna per farlo, e nel frattempo registrare l’audio associando la nota agli appunti, per non rischiare di perdervi punti importanti.

Connettività

galaxy note 20 ultra connettività

Note 20 Ultra viene venduto nell’unica variante 5G. Purtroppo durante il periodo di test non abbiamo modo di provare questa tecnologia, ma il 4G+ funziona a meraviglia, un po’ sotto tono rispetto ad altri top di gamma, ma come abbiamo già detto per il Note 20: questo è il prezzo da dover pagare se si vuole lo smartphone con i valori SAR più bassi sul mercato:

  • Valori SAR testa: 0.338 W/Kg;
  • Valori SAR corpo: 1.470 W/Kg.

In situazioni normali lo smartphone prende bene, non c’è che dire. Ma se volete acquistarlo e sapete già di non poter sfruttare il 5G, vi consigliamo di disabilitarlo dalle impostazioni. Così da avere una copertura migliore e risparmiare anche batteria.

Fotocamera

galaxy note 20 ultra fotocamera

Analizzando Note 20 Ultra ed S20 Ultra, ci sembra che Samsung abbia fatto un passo indietro sul fronte fotocamere. In quanto lo Space Zoom arriva adesso a 50x, a differenza di S20 Ultra che arrivava a 100x. Anche la messa a fuoco con sensore 3D è stata eliminata, per tornare al ”vecchio” auto focus laser.

Il comparto fotografico principale è costituito poi da tre lenti da 12MP per grandangolare e teleobiettivo, affiancati dal principale da 108MP con obiettivo wide ad apertura fissa F/1.8 e stabilizzazione ottica.

Ma tralasciando tutti questi dati e numeri, possiamo confermare che Note 20 Ultra scatta da Dio. Partiamo dalla lente grandangolare che non sbaglia mai messa a fuoco, anche in campo aperto è sempre tutto bello nitido e gli scatti sono pieni di dettaglio. Anche la gestione dei colori è perfettamente in linea con le altre lenti. Cosa non da poco, fidatevi.

Il teleobiettivo che regala una zoom ottimo 5x è super promosso. Qualità, stabilizzazione, auto focus, gestione dei colori. Tutto perfetto! Vi aiuterà a raggiungere soggetti in lontananza e scattare foto fino a 10x senza perdere dettaglio.

La lente principale da 108 MP invece è probabilmente quella che convince meno, non perché non sia buona, anzi. Ma soltanto perché non può essere considerata un valore aggiunto, rispetto all’ottimo sensore da 12 MP di Galaxy S20 ad esempio. Il dettaglio è sempre molto buono, ma l’effetto bokeh è veramente troppo finto. Dovrete andare a modificarlo ogni volta dopo aver scattato una foto.

In condizioni di scarsa luminosità siamo rimasti un po’ delusi, anche qui non perché gli scatti in generale non fossero buoni, ma perché ci saremmo aspettati un po’ di più da un prodotto del genere.

galaxy note 20 selfie

Ottimi invece i selfie, scattati dalla fotocamera anteriore da 10MP. La gestione della profondità di campo è eccellente. Merito anche di un AF che non sbaglia mai un colpo. Caratteristica che può tornare utile anche durante i video che arrivano fino al 4K 60 FPS.

La fotocamera principale da 108MP gira anche tutti i video. A tutte le risoluzioni, e si. Anche quelli in 8K a 30 FPS, senza escludere i filmati in UHD a 60 FPS e gli slow motion a 960 FPS. Presente la modalità Ultra Stady, ma in questo caso interviene la lente wide, per catturare una porzione di campo più ampia e per aggiungere alla ripresa anche la stabilizzazione digitale. A corredare il tutto troviamo una delle funzioni più apprezzate dell’ultimo periodo. Ovvero: l’audio zoom.

Batteria

galaxy note 20 ultra batteria

La batteria del Samsung Galaxy Note 20 Ultra è un modulo da 4500 mAh. Altro passo indietro rispetto ai 5000 mAh di S20 Ultra. L’autonomia è forse il più grande problema di questo prodotto. Non disperate se i primi giorni di utilizzo non arrivate alle 4 ore di schermo acceso.

Il software con il passare dei giorni impara dalle vostre abitudini, limitando processi inutili e ottimizzando quelli più richiesti. Ma purtroppo non è ancora sufficiente. Dopo qualche giorno di utilizzo siamo riusciti a coprire una giornata interamente sotto connessione 4G con 5 ore di schermo acceso, in risoluzione FHD+ e il display settato sui 120Hz dinamici.

Può essere poco, può essere tanto. Dipende dalle abitudini, ma l’unico dato di fatto è che con un processore diverso si sarebbero ottenuti risultati sicuramente più convincenti. Ne siamo sicuri.

Peccato per la ricarica wireless a soli 15W e tramite cavo a 25W. Ci saremmo aspettati di più in quanto altri top di gamma offrono performance migliori sotto questo punto di vista.

Prezzo e Conclusioni

1329,00 euro. Questo è il prezzo di listino di Galaxy Note 20 Ultra. Su Amazon lo troviamo a circa 900,00 euro. Ma come sappiamo i prezzi sono dinamici. Sicuramente un prodotto ottimo, che oscura completamente il Galaxy Note 20. Ma allo stesso tempo, i 1329,00 euro di listino sono veramente troppi. Display da paura, design pazzesco e prestazioni al top. Sicuramente uno smartphone che ci è piaciuto da morire, ma qualche problemino qua e là c’è. Inutile negarlo.

Per quanto si tratti di uno dei migliori smartphone Android presenti sul mercato, ci sentiamo di dire che anche questa volta Samsung ha pompato i prezzi di almeno 200,00 euro. Per fortuna su Amazon lo si trova al prezzo giusto, seppur comunque molto alto e probabilmente non accessibile a tutti.

Nonostante ciò, Galaxy Note 20 Ultra è uno smartphone top di gamma. Assoluto. A cui manca veramente pochissimo per essere definito perfetto.

8,7
  • Design
    10
  • Schermo
    10
  • Hardware
    8
  • Software
    9
  • Connettività
    8
  • Fotocamera
    9
  • Batteria
    7
Recensioni