Google cambia direzione nel tracciamento dei dati per scopi pubblicitari

Svolta epocale nel sistema di tracciamento dei dati di Google.

Google, da sempre, ha fatto del proprio business principale quello dei dati. L’azienda raccoglie informazioni dal vostro browser web, smartphone Android e tutti i servizi ad esso collegati. A breve, tutto ciò potrebbe finalmente cambiare.

Google

Google: come funziona oggi il tracciamento dei dati

Che il web sia interconnesso, soprattutto per quel che riguarda il tracciamento dei dati a scopi pubblicitari non è un mistero. Google infatti traccia l’attività web di ciascun utente, incrocia i dati con gli altri dispositivi e servizi utilizzati e vende spazi pubblicitari ai propri advertiser.

Grazie alla propria potenza, Google ha da sempre fatto dei dati degli utenti numeri davvero importanti. Il tracciamento dell’azienda è infatti uno dei principali modelli di business attraverso il quale Google stessa si sostiene.

Il nuovo sistema di tracciamento meno invasivo

A sorpresa, oggi arriva un annuncio che stravolgerà proprio il tracciamento dei dati degli utenti. L’azienda ha infatti deciso di non utilizzare più i dati della cronologia degli utenti a scopo di tracciamento. Inoltre, Google non creerà nuovi tool per il matching dei dati tra browser altri dati presenti sul proprio smartphone Android.

Ad annunciarlo è stato il Direttore PM del comparto Ads Privacy dell’azienda attraverso un blog post.

Nel post ha inoltre specificato che nessun utente avrebbe mai dovuto accettare queste pratiche e che gli advertiser non hanno bisogno di questi dati per proporre le proprie pubblicità.

Google non interromperà del tutto il tracciamento dei dati, ma punterà nel raccogliere solo i dati effettivamente utili al fine di proporre pubblicità in target per ciascun utente. La domanda sorge quindi spontanea: cosa cambierà effettivamente per gli utenti?

Nel concreto, Google non “spulcerà” più la vostra cronologia, ma continuerà ad associare il vostro profilo utente ad altri profili che hanno comportamenti simili al vostro. Google associerà, ad esempio, le vostre preferenze per il caffè e le auto ad altri utenti e proporrà agli advertiser il vostro profilo anche per le pubblicità di moto se questa dovesse effettivamente essere una delle più in voga anche degli altri utenti che sono interessati a caffè ed auto.

Ora l’algoritmo è sicuramente più preciso perché sa già se non siete interessati alle moto. Dal Q2 del 2021 invece funzionerà come spiegato nel paragrafo precedente.

Con il passare del tempo, il nuovo algoritmo di Google affinerà ancora meglio il proprio funzionamento sia a vantaggio della privacy degli utenti che a vantaggio degli advertiser.

News