OPPO Find X3 Neo 5G: parola d’ordine QUALITÀ – RECENSIONE

Uno dei più interessanti medi di gamma disponibili al momento sul mercato, ecco il nuovissimo OPPO Find X3 Neo 5G!

OPPO Find X3 Neo 5G è uno smartphone Android valido e completo, dalle spiccate funzionalità fotografiche coadiuvate dall’AI integrata per foto e video. Un campione di potenza e di batteria, scopriamolo nella nostra recensione completa.

Fotocamera: ci sono 50MP e sono di Sony!

OPPO Find X3 Neo

Partiamo con la fotocamera, punto chiave dello smartphone che va messo per primo nella scala delle valutazioni. OPPO punta molto su questo setup da quattro fotocamere posteriori e propone questo smartphone ad una clientela appassionata di foto e video che, magari, usa occasionalmente lo smartphone anche in ambito professionale.

Fotocamera principale

La fotocamera principale di questo OPPO Find X3 Neo è da 50MP f/1.8 con sensore Sony IMX 766. Questa camera è in grado di catturare immagini molto piacevoli, impattanti e ben dettagliate. Sicuramente è la fotocamera da tenere in considerazione per qualsiasi scatto o ripresa da effettuare con questo OPPO Find X3 Neo 5G, la scelta di massima qualità tra le camere offerte dal setup quadruplo.

Le foto scattate con questa camera possono essere ben elaborate e manipolate con software di modifica e di ritocco, sebbene siano in JPG oppure in HEIF e non in formato RAW. Si può lavorare comunque molto bene e portarsi a casa scatti di buon livello.

Fotocamera ultra-grandangolare

La seconda fotocamera, in termini di megapixel, è la ultra-grandangolare da 16MP con apertura f/2.2 ed un esteso angolo di visuale. Le immagini scattate con questa camera migliorano rispetto al passato però soffrono ancora di un paio di criticità: le immagini non sono così tanto dettagliate ai bordi, dove si nota dell’aberrazione cromatica, mentre il livello di dettaglio si perde man mano che ci si allontana dal centro del fotogramma.

Sicuramente utile in determinate situazioni, per scattare immagini panoramiche o creative. Sicuramente un passo avanti rispetto alla generazione precedente. Non si possono, purtroppo, registrare video con questa specifica lente.

Fotocamera telephoto

La terza camera è la telephoto 2x da 13MP con apertura f/2.4. Davvero positiva, quasi al pari della principale, per determinate tipologie di scatto e per ottenere un “plus” non indifferente nelle riprese video. Immaginando dei primi piani, delle panoramiche da intervallare ad alcune riprese specifiche più ravvicinate, questa lente è davvero ottima. Meglio però non spingersi sullo zoom 5x perchè, essendo ibrido, non fornisce una qualità di dettaglio soddisfacente.

Fotocamera macro

La quarta ed ultima camera è la macro da 2MP con apertura f/2.4. Sfortunatamente non ci troviamo davanti alla stessa lente “microscopio” del modello Pro, di cui potete leggere e guardare la nostra recensione completa. Il livello di dettaglio di questa camera è davvero basso e, se pensate di poter scattare macro di insetti, fiori ed elementi naturali a mano libera smettete di immaginarlo.

Si possono ottenere risultati migliori fotografando tutti gli oggetti potenzialmente in movimento con un treppiede, ad esempio fiori, foglie e natura, mentre per le foto scattate in ambiente controllato la camera risulta decisamente più interessante ed affidabile e riesce a coprire lo scatto da distanza ravvicinata di 4 centimetri.

Un oggetto, un foglio di carta ed un qualsiasi altro dettaglio scattato in casa, in studio o comunque in assenza di vento o luce non controllata, sarà ritratto abbastanza fedelmente. Anche in questo caso, non è possibile registrare video con questa lente.

Fotocamera anteriore

Passando invece alla camera anteriore, singola da 32MP con apertura f/2.4, possiamo ritenerci soddisfatti per il livello di dettaglio e la buona gestione della luce. La modalità bellezza meglio tenerla disattivata, però. Questa camera può scattare foto da 4928 x 6560 pixel e soffre solo in condizioni di scarsa luminosità.

Le modalità fotografiche che ci vengono fornite sono diverse, alcune più utili ed altre meno. Ecco quelle da tenere maggiormente in considerazione:

  • Ritratto: buoni risultati complessivi, piacevole lo slider per regolare la profondità
  • HD Extra: utile per aumentare il livello di dettaglio in alcune immagini, non sempre positivo però
  • PRO: tutte le regolazioni manuali per una fotografia più professionale

Per quanto riguarda i video, questo OPPO Find X3 Neo 5G è capace di registrare video in 4K, Full HD oppure HD a 30 o 60 fps con il setup posteriore mentre Full HD ed HD a 30 fps con la camera anteriore. È disponibile uno stabilizzatore OIS + EIS molto efficace che permette di riprendere scene in movimento senza grossi tremolii. Per chi volesse spingere ancora di più, è presente la stabilizzazione “Ultra Steady Pro” che va a minimizzare ogni movimento indesiderato ma che non permette al sensore di sfruttare la massima qualità.

Il comparto foto e video si caratterizza per la presenza, piuttosto spinta, dell’AI. L’intelligenza artificiale, infatti, permette una gestione impattante dell’HDR e consente di catturare immagini più vivide e dalla ampia gamma dinamica. Nei test ho comunque preferito le foto senza intervento dell’intelligenza artificiale, così come nei video. Di notte, purtroppo, nemmeno l’AI aiuta e la qualità scende drasticamente.

Il display a 90Hz e con copertura totale DCI-P3

OPPO Find X3 Neo

Il display riesce a coprire il 100% della gamma DCI-P3 e offre la migliore visualizzazione possibile in termini di colori, soprattutto di quelli scattati con la fotocamera principale vivida e corposa. A livello tecnico, il pannello del display è di tipologia AMOLED con risoluzione Full HD+ e dalla densità di 402 ppi. Lo schermo ha una diagonale di ben 6.5″, con rapporto 20:9, e presenta una curvatura ai bordi 3D molto piacevole alla vista e al tatto con il 92.1% di rapporto schermo-superficie.

OPPO Find X3 Neo

A differenza del fratello maggiore, questo smartphone non arriva ad un refresh rate di 120Hz e si ferma a 90Hz. La fluidità è comunque garantita, sebbene alcune applicazioni non supportino questa frequenza di aggiornamento. Infatti, per tutti i contenuti non ottimizzati, sarà sempre disponibile la modalità a 60Hz. Il pannello, infine, è certificato HDR 10 ed è certificato Netflix.

Tra prestazioni e 5G: ecco lo Snapdragon 865

OPPO Find X3 Neo

Il cuore pulsante di questo smartphone è il SoC Snapdragon 865, uno dei più interessanti per prestazioni e consumi. Il processore supporta le reti 5G senza problemi e offre la giusta potenza per ogni operazione. Difatti, all’interno del software troviamo una modalità da gaming strutturata in modo da chiedere il massimo al processore quando necessario. La RAM è da 12GB di tipologia LPDDR4X a 2133MHz mentre la memoria flash per lo storage è da 256GB di tipologia UFS 3.1.

I consumi sono davvero ridotti e garantiscono una certa tranquillità quotidiana durante l’uso dello smartphone mentre la potenza non manca al bisogno. Durante i test non abbiamo notato alcun lag o alcun problema, anche per lunghe sessioni di gaming o di multitasking spinto.

OPPO Find X3 Neo

La batteria, chiaramente aiuta molto il processore grazie alla immensa capacità di 4500mAh e alla possibilità di essere ricaricata molto rapidamente con il sistema Super VOOC 2.0 da 65W. In buona sostanza, basteranno 30-35% per ricaricare lo smartphone completamente fino al 100%.

OPPO Find X3 Neo

La connettività è assicurata ed è il meglio che si può trovare oggi sul mercato:

  • 5G
  • Dual SIM
  • Hotspot anche a 5GHz
  • Bluetooth 5.2
  • USB-C
  • NFC

OPPO Find X3 Neo

ColorOS: la personalizzazione e la semplicità in un unico OS

OPPO Find X3 Neo

Fondere sapientemente semplicità e personalizzazione non è facile eppure il sistema operativo ColorOS ci riesce perfettamente. Basato su Android 11, con pieno supporto ai servizi di Google, questo OS offre una serie di opzioni di personalizzazione molto certosine e pienamente in grado di soddisfare gli utenti più esigenti. Infine, l’ottimo multitasking, l’intuitività della UI e la fluidità sono i pilastri di questa release software.

Non manca una comodissima modalità dedicata al gaming, con opzioni utili a massimizzare le performance dello smartphone durante le sessioni più spinte. Inoltre, tramite questa modalità è possibile limitare le notifiche e le distrazioni per la migliore esperienza di gaming possibile.

OPPO Find X3 Neo

OPPO Find X3 Neo 5G: un campione di design

Il design di questo OPPO Find X3 Neo 5G è piacevolissimo sia alla vista che al tatto. La texture posteriore è reattiva alla luce e offre sempre delle belle sfumature da guardare; inoltre offre un ottimo grip e rende il telefono più moderno rispetto alle varianti con retro lucido.

Le due colorazioni proposte si differenziano parecchio in termini di colore e possono offrire spunti di stile non indifferenti. Il vetro 3D poi va a congiungersi perfettamente con la scocca del dispositivo e ne completa il disegno.

OPPO Find X3 Neo 5G: il prezzo è giusto?

A questo prezzo ci sono tanti rivali agguerriti ma questo OPPO è realmente uno dei migliori medi di gamma in circolazione. Con poco da invidiare al fratello maggiore, questo smartphone offre performance bilanciate tra consumi e prestazioni, una fotocamera principale ottima e un display eccellente. La durata della batteria e la ricarica a 65W completano il quadro.

Lo smartphone viene venduto a 799,99€ su Amazon e presso i rivenditori autorizzati. Da segnalare la presenza di una promozione interessante che vi consentirà, in caso di acquisto, di ottenere una serie di accessori.

8,6

Uno smartphone prestante, dal basso consumo energetico ma dall’esperienza fluida e senza intoppi. Appagante il design, eccellente il display e potente il SoC. Si può volare anche sulle reti 5G e la fotocamera principale è davvero validissima. Uno dei migliori della sua fascia, senza se e senza ma.

  • Design
    8,5
  • Display
    8,5
  • Hardware
    8,5
  • Connettività
    9,5
  • Software
    9
  • Fotocamera
    8
  • Audio
    8
  • Batteria
    9
  • Qualità-Prezzo
    8
Recensioni