Razer Blackwidow V3, grandi performance per la competizione – RECENSIONE

Ecco Razer Blackwidow V3, la tastiera meccanica di grande sostanza per tutti i giocatori competitivi in cerca di prestazioni elevate.

L’apprezzata serie di tastiere Blackwidow di Razer ritorna finalmente nella nuova versione v3, una tastiera meccanica che non stravolge la propria identità ma propone un solido miglioramento dei propri switch offrendo versatilità e prestazioni ai videogiocatori più esigenti. Come si è comportata? Vediamolo subito nella nostra recensione completa.

Razer Blackwidow V3

Con Razer Blackwidow V3 gli switch meccanici targati Razer sono disponibili nelle due varianti Yellow e Green, due varianti che presentano di fatto punti di forza e debolezza differenti. Nel modello da noi ricevuto ritroviamo la versione Green, il modello più votato al gaming proprio per la natura stessa degli switch.

Blackwidow v3

Sin dai primi secondi di utilizzo la sensazione è quello dei grandi prodotti, un feedback che solo Razer e pochi altri produttori riescono a fornire ai propri utenti. Il design del prodotto resta quello tipicamente minimale dei prodotti Razer, con gli switch meccanici interamente a vista. La tastiera offre un buon angolo d’inclinazione e integra un poggiapolsi in plastica rigida. Quest’ultimo componente non è purtroppo magnetico e nelle sessioni più intense vi capiterà talvolta di doverlo riposizionare. Non sono inoltre presenti porte USB ausiliarie, un vero peccato essendo esse presenti anche su tastiere di gran lunga più economiche.

razer blackwidow v3

L?anima del prodotto è un telaio in alluminio che dona a questa tastiera una notevole sensazione di solidità, a discapito ovviamente di un peso non molto contenuto. A differenza del precedente modello in commercio, questa Blackwidow V3 gode di un miglioramento degli switch targati Razer ma anche di un’ampia rotella cliccabile e un pulsante multimediale. Potremo così agevolmente modificare il volume di un brano oppure muoverci tra le varie tracce della playlist. Grazie al software in dotazione è possibile personalizzare la funzione svolta da questi due nuovi elementi.

Gli switch Green installati su questa tastiera sono certamente votati al gaming e lo si capisce subito dai primi minuti di utilizzo. I pulsanti di questa tastiera hanno infatti una corsa bassa, reattiva e molto precisa. Le pareti particolarmente spesse rendono questi tasti estremamente resistenti, con la logica di offre la maggior durata possibile. Abbiamo testate questa tastiera con una vasta gamma di titoli come Warzone, Valorant, League Of Legends e tanti altri titoli competitivi. La risposta del prodotto è sempre stata al top, rendendo questa Blackwidow V3 una tastiera meccanica perfetta per i giocatori più attenti al mondo del gaming competitivo. Purtroppo la rumorosità degli switch è il pegno da pagare per questa tastiera dalle grandi prestazioni, una rumorosità che sopratutto nelle fasi di digitazione di un testo può senza alcun dubbio rivelarsi un po’ fastidiosa. Gli switch Green non sono insomma pensati per la digitazione pura, un compito più adatto ai fratelli Yellow in termini di morbidezza della corsa e minore rumorosità.

Sotto il profilo funzionale questa Blackwidow V3 offre tutte quelle che sono le ampie personalizzazioni offerte dal software Synapse 3. Grazie a questo tool avrete ovviamente ampio spazio di configurazione della retroilluminazione dei tasti, con possibilità di modificare sia lo spettro di colore che i vari effetti per un risultato estetico senza alcun dubbio di grandissimo impatto. Sempre mediante il software Synapse possiamo configurare cinque differenti profili (salvati su memoria della tastiera) così come la rotella cliccabile e il pulsante multimediale.

Questa tastiera ha un prezzo al pubblico di 150 euro, un prezzo senza alcun dubbio importante che merita alcune riflessioni. razer Blackwidow V3 è un prodotto solido, ben costruito e dalle prestazioni senza alcun dubbio ai vertici della categoria. L’assenza di una porta USB, il poggiapolsi non magnetico e il cavo usb incassato nel corpo della tastiera sono purtroppo alcuni malus che dovrete tenere in considerazione se siete acquirenti particolarmente pignoli sotto il profilo funzionale. Tuttavia è fuor di dubbio che gli amanti del gaming competitivo ritroveranno in questa tastiera un validissima periferiche che risponderà ai vostri comandi in modo sempre preciso e affidabile.

8

Razer Blackwidow V3 è una tastiera di grande sostanza, che ripone tutti i suoi aspetti positivi nella costruzione e nelle performance in game dei suoi Switch Green. Razer sotto questo aspetto rappresenta una garanzia e anche questa V3 conferma l’ottimo lavoro dell’azienda sotto l’aspetto delle prestazioni. Purtroppo paga pegno con qualche piccola sbavatura e una rumorosità non propriamente contenuta.

  • Design
    8
  • Costruzione
    9
  • Prestazioni
    9
  • Rumore
    6
Recensioni