POCO M3 Pro 5G. Minima spesa, massima resa. – RECENSIONE

POCO M3 Pro 5G è lo smartphone 5G più economico di sempre, in grado però di offrire delle ottime prestazioni e un'autonomia da urlo.

Volete uno smartphone 5G, che costi poco, con delle buone caratteristiche e che abbia pure un’ottima autonomia. Bene, ecco per voi POCO M3 Pro 5G. Scopritelo con noi, in questa recensione.

poco m3 pro 5g recensione

Design

design poco m3 pro 5g

POCO M3 Pro 5G è costruito in policarbonato. Disponibile in tre colorazione: nera, gialla e blu. Il logo dell’azienda sul retro non passa inosservato ed è un dettaglio che deve piacere. Altrimenti dovrete coprirlo con una cover. In confezione ne trovate già una, ma è trasparente. Il modulo fotografico sul retro non è troppo sporgente, ma occhio alla back cover che trattiene un bel po’ d’impronte.

Frontalmente invece troviamo solo il foro centrale per la fotocamera frontale ad interrompere il display. Il bordo inferiore è poi un pelino più spesso rispetto agli altri tre.

Sul lato destro c’è il pulsante di accensione con sensore d’impronte annesso, il quale funzione benissimo. Sono un fan dei sensori fisici. Subito sopra c’è il bilanciere del volume. Lato superiore che ospita il secondo microfono, i sensori infrarossi e anche il jack da 3,5mm per le cuffie. Lato sinistro totalmente pulito, eccezion fatta per il carrellino della SIM che ospita anche l’ingresso per la MicroSD. Inferiormente invece c’è lo speaker di sistema, l’ingresso USB-C ed il primo microfono.

In mano si tiene bene, ben bilanciato e non scivola. Certo usarlo con una sola mano è difficile, ma non impossibile, considerato dimensioni e peso, che ammontano a 161,81 mm x 75,34 mm x 8,92 mm per un peso di 190 g.

Display Poco M3 Pro 5G

display poco m3 pro 5g

Lo schermo di questo Poco M3 Pro 5G è buono, a protezione di tutto c’è un Gorilla Glass 3, parliamo di un pannello 6,5″ FHD (2400 x 1800 pixel) in tecnologia IPS, con un refresh rate dinamico in grado di passare dai 30Hz ai 90Hz. Ma ricordatevi di abilitare questa funzione dalle impostazioni, perché di default lo smartphone esce dalla confezione con il display impostato sui 60Hz. Anche la luminosità massima è buona, 400 nits, anche se sotto la luce diretta del sole si fa un pelino fatica a sfruttarlo. Forse anche colpa della pellicola di protezione pre applicata sul display. Per il resto posso dire che è un buon pannello, per chi ama guardare serie TV saltuariamente o per chi, come me, consuma tanti video su YouTube ad esempio.

Hardware

poco m3 pro 5g hardware

Il carico del lavoro è affidato al chip MediaTek Dimensity 700, un processore a 7 nm Octa Core, il quale si difende bene e offre delle prestazioni che difficilmente riuscirete ad ottenere su altri smartphone della stessa fascia di prezzo. Il processore è affiancato dalla GPU Mali G57 e, nel nostro modello, da 6 GB di RAM e 128 GB di memoria interna espandibile tramite Micro SD. Esiste anche una versione da 4 GB di RAM e 64 GB di storage, per gli utenti meno pretenziosi.

Il telefono gira tutto sommato bene, le applicazioni solite non presentano lag di natura invasiva, non ho riscontrato grandi surriscaldamenti e anche qualche gioco più pesante, con dettagli non al massimo, riesce a girare abbastanza bene. Asphalt 9 ad esempio si è aperto in 18,22 secondi.

Connettività

smartphone 5g economici

Questo POCO M3 PRO 5G è appunto lo smartphone 5G più economico che potete trovare ad oggi sul mercato. Presente anche il supporto alla doppia SIM, rinunciando all’espansione di memoria, il Wi-Fi dual band, jack da 3,5mm, Bluetooth 5.1, blaster infrarossi e anche la radio FM. Quest’ultima funziona solo con le cuffie connesse.

In termini di ricezione e affidabilità non possiamo assolutamente dare giudizi negativi, il segnale è sempre stato stabile durante il periodo di test, e si è comportato molto bene anche in zone particolarmente avverse al segnale 4G.

Audio

L’intero comparto audio è affidato al singolo speaker inferiore. Niente audio stereo quindi, peccato. Sarebbe stata quella funzione che avrebbe fatto fare quel saltino di qualità in più al prodotto, i bassi non sono molto presenti e l’equalizzazione è piuttosto piatta. Durante le chiamate però, la qualità in capsula è molto alta, anche il volume del vivavoce è bello squillante.

Software

MIUI 12

POCO è un brand a marchio Xiaomi, e ovviamente monta la MIUI, in questo caso in versione 12.0.5.0. Conosciamo bene la MIUI, l’abbiamo analizzata a fondo più e più volte. Presenti tutte le funzionalità che hanno reso famosa questa UI. Come la possibilità di gestire tutte le finestre a comparsa. Si possono spostare, ridimensionare e chiudere, senza interrompere il flusso di lavoro, c’è il doppio spazio, che permette di avere uno sazio “nascosto” all’interno dello smartphone. Se volete approfondire potete consultare la guida apposita. Non manca nemmeno la modalità gioco e la personalizzazione in tempo reale per tutte le app che riproducono video. Da YouTube, a Netflix a Prime Video.

Attualmente la versione di Android è la 11, ma lo smartphone riceverà sicuramente anche Android 12. Al momento della recensione le patch di sicurezza sono aggiornate al 1 aprile 2021.

Fotocamera Poco M3 Pro 5G

fotocamera poco m3 pro 5g

Fino ad ora ho speso solo parole positive per questo smartphone, ma il comparto fotografico secondo me è stato un po’ tralasciato. Non perché non sia buono, ma perché nel 2021 non può mancare una lente ultra-grandangolare secondo me. A comporre il reparto foto troviamo tre sensori:

  • 48 MP f/1.79 camera standard
  • 2 MP f/2.4 camera macro
  • 2 MP f/2.4 sensore di profondità

Le foto in generale vengono abbastanza bene, la resa scende di pari passo alla condizione di luce ambientale, manca purtroppo la camera ultra-grandangolare, quella macro funziona bene, ma non so a quanti di voi possa esser davvero utile. Il sensore di profondità offre scatti con effetto bokeh soddisfacenti, ma non si supera di troppo la sufficienza. Dato il prezzo di lancio, non si poteva chiedere di più. Ma l’ultra-grandangolare ci voleva.

A scattare selfie troviamo la singola lente da 8MP f/2, la quale supporta anche: Night Mode, Slow Motion, Effetto Ritratto e Time Laps. I selfie sono nella media, vanne bene per un utilizzo social, finché, ma non scattate quando c’è poca luce.

Ho apprezzato il comparto video, POCO non ha voluto strafare con caratteristiche over power ingestibili. Niente 4K come giusto che sia. La risoluzione massima arriva al 1080P a 30 FPS per garantire una buona stabilizzazione. Seppur solo digitale.

Batteria Poco M3 Pro 5G

batteria poco m3 pro 5g

5.000 mAh, e che ve lo dico a fare? Due giorni di utilizzo si possono coprire con un utilizzo basic. Con un utilizzo più stressante si copre un giorno intero, più la mattina successiva. In confezione è anche presente un caricabatterie da 22,5W. Un comparto autonomia quindi che convince. Stra convince.

Prezzo e Conclusioni

poco m3 pro 5g prezzo

Come detto prima, POCO M3 Pro 5G, esiste in due versioni e sarà disponibile alla vendita a partire dal 20 maggio:

  • versione da 4GB+64GB al prezzo di 199,90€
  • versione da 6GB+128GB al prezzo di 229,90€

Dalla mezzanotte del 20 maggio, fino alle ore 23:59 del 26 maggio sarà in vendita a un prezzo scontato di 159,90€ per la versione da 4GB +64GB e di 199,90€ per la versione da 6GB+128GB.

Insomma, a questo prezzo è davvero difficile chiedere di più. Un ottimo comparto connettività, batteria da paura e prestazioni superiori alla media considerato il prezzo di vendita. Unico neo, un comparto fotografico un po’ trascurato. Per il resto, uno smartphone che vi consiglio. Minima spesa, massima resa. Sicuramente un prodotto che venderà molto, molto bene.

7,2

POCO M3 Pro è uno smartphone tutto fare. Costa poco, e offre tanto. 5G, ottima batteria e buone prestazioni generali. Peccato per l’assenza di una fotocamera grandangolare, e dell’audio stereo.

  • Design
    7
  • Display
    7
  • Hardware
    7
  • Connettività
    7
  • Audio
    6
  • Software
    7
  • Fotocamera
    7
  • Batteria
    9
  • Prezzo
    8
Recensioni