Huawei Watch GT 2e, sportivo nelle funzioni e nel look – RECENSIONE

Anche con il Huawei Watch GT 2e il brand cinese mette al centro dell’esperienza utente due aspetti fondamentali: l’autonomia e il tracciamento dell’attività fisica. Tuttavia questo è probabilmente il primo degli Smartwatch Huawei ad essere pensato per gli sportivi non solo da un punto di vista delle funzioni ma anche da un punto di vista meramente estetico. Scopriamo questo interessante smartwatch all’interno della nostra recensione completa.

Design

Esattamente come il Watch GT2, anche il Huawei Watch GT 2e si presenta con un quadrante rotondo, ricoperto interamente da un vetro in grado di ridurre i graffi e attutire gli urti. La circonferenza del quadrante è lucida e offre un look ricercato al prodotto. I materiali utilizzati per la realizzazione della cassa sono il metallo e la plastica, con quest’ultima che consente di ridurre in modo importante il peso dell’orologio rispetto a quello del Watch GT 2, interamente in metallo. Sulla parte posteriore dell’orologio troviamo invece tutta la sensoristica utile per il tracciamento dell’attività fisica e dell’attività cardiaca. In dotazione l’orologio viene fornito con un cinturino in silicone traforato che migliora la traspirazione soprattutto durante l’attività fisica; ci sono poi due passanti per fissare al meglio l’estremità del cinturino. I cinturini sono come sempre sostituibili, pertanto se vorrete dare un look più elegante al Huawei Watch GT 2e vi basterà regalarvi un cinturino in pelle e il gioco sarà fatto. Sulla destra della cassa troviamo due tasti di navigazione: quello superiore rimanda a tutte le applicazioni, mentre quello in basso è personalizzabile e permette di richiamare una specifica azione.

Schermo e Hardware

Parliamo ora di schermo. Quello del Huawei Watch GT 2E è un pannello rotondo da 1.39 pollici ciò tecnologia AMOLED e risoluzione pari a 454 x 454 pixel. La qualità dello schermo è sicuramente buona per uno smartwatch di questa fascia e sorprende soprattutto per un’ottima luminosità, tale da garantire una visione perfetta sotto la luce del sole. Molto buono anche il contrasto e la saturazione. Probabilmente l’unica nota di lieve criticità sta nella risoluzione dello schermo che sarebbe potuta essere leggermente più alta e in un refresh rate piuttosto basso, ma utile anche a limitare i consumi. Una nota interessante riguarda la possibilità di avere watch face personalizzate in modo tale da mutare completamente il look dell’orologio: si va dai look più classici a quelli sportivi, fino ad arrivare a soluzioni particolarmente alternative e curiose. Vi sono anche dei quadranti che mettono a disposizione dell’utente delle “complicazioni” – per chiamare come le chiamerebbe Apple – ossia dei tool rapidi per monitorare determinate funzionalità o sensori dello smartwatch. Il tutto può essere gestito tramite l’app Huawei Health e direttamente dalle impostazioni dell’orologio stesso. Lo schermo può essere inoltre always-on attivando una specifica opzione che andrà a sovrapporre una watch face più semplice a quella “standard”. Lo schermo potrà inoltre essere acceso semplicemente ruotando il polso per fornire al volo l’orario e altre informazioni base.

Funzioni e Software

La navigazione all’interno dell’orologio è affidata ai due tasti laterali – la cui funzione è stata già descritta – e alle gesture a scorrimento: con uno swipe down potrà essere richiamato il centro dei toggle, mentre con uno swipe up si accederà alla schermata delle notifiche (senza poter poi fare molto però, non essendo interattive); infine con uno swipe laterale si passerà velocemente tra le complicazioni più utili, come l’app attività, il monitoraggio della frequenza cardiaca, il player musicale e il meteo. Dal punto di vista del software la base è ovviamente il software Huawei – il WearOS era già stato abbandonato prima del ban degli USA – ed include più di 100 modalità di tracciamento dell’attività fisica che vanno dalla corsa al ciclismo, passando per l’attività fisica intensa effettuata in palestra o per gli esercizi di danza. Potremmo anche provare a farvi una lista di tutte le modalità di esercizio, ma probabilmente questo articolo non finirebbe più. Vale forse la pena aggiungere solo alcuni tracciamenti che altri orologi simili non riescono a monitorare, come il parkour, lo skateboarding, le sessioni HIIT, i balletti, la danza del ventre e tanti altri. Chiaramente non vi nascondiamo che alcune di queste modalità non sono state testate in questi giorni, ma nei nostri test ci siamo concentrati su attività più “normali” come la corsa e la bici. In questi casi sia il tracciamento dell’attività cardiaca che quello delle calorie e dei metri si è dimostrato molto preciso e perfettamente in linea con i dati registrati da un Apple Watch, utilizzato come termine di paragone nel nostro test. A tutto questo si aggiunge anche la presenza del GPS in grado di monitorare con precisione gli spostamenti durante gli allenamenti in esterna.

Oltre a tracciare l’attività fisica il Huawei Watch GT 2e permette anche una puntuale misurazione dell’attività fisica, può misurare i passi giornalieri e valutare le abitudini di riposo tramite un monitoraggio del sonno che non ha impatti significativi sull’autonomia. Ma la vera chicca sta nell’introduzione della funzione per misurare l’ossigenazione del sangue, una caratteristica quanto mai attuale in questo periodo e attualmente esclusiva degli smartwatch Huawei. Dal punto di vista delle notifiche, invece, il Watch GT 2e vi recapiterà tutto ciò che riceverete sullo smartphone, ma come dicevamo l’assenza di interazione con le notifiche potrebbe risultare limitativa per alcuni.

Batteria

Parliamo però di batteria, perché qui ci aspettiamo come sempre grandi cose da Huawei. Effettivamente non c’è da restare delusi: il Huawei Watch GT 2e riesce a garantire una durata di circa 7 giorni se utilizzato in modo soft, quindi principalmente per ricevere notifiche. Durante l’attività fisica il consumo viene incrementato, ma resta relativamente moderato. In generale dopo circa 7 giorni vi avanzerà ancora un buon 20% di batteria, ma a quel punto una ricarica è consigliata per non rischiare di restare scoperti sul più bello. Ricarica che avviene tramite un apposito caricatore magnetico e che risulta piuttosto rapida.

Prezzo e Conclusioni

Se non volete spendere una fortuna per un Garmin o un Apple Watch, il Huawei Watch GT 2e è probabilmente il miglior smartwatch che possiate acquistare in questo momento. Lui da il meglio di se su Android e in particolare su piattaforma Huawei, ma anche su iOS si lascia utilizzare senza limitazioni. È un prodotto pensato soprattutto per gli sportivi, sia da un punto di vista di funzionalità che da un punto di vista estetico, in cui la batteria resta il vero punto di forza rispetto alla concorrenza.

Se siete interessati potete acquistare il versatile Huawei Watch GT 2e tramite Amazon nelle versioni da 44 o 46 millimetri. Il prodotto è disponibile offerta su Amazon a soli  149,99€.

Android